SUL CORTEO ANTIFASCISTA del 28.02.09

COMUNICATO del CORTEO ANTIFASCISTA BERGAMASCO 
 

Oggi, sabato 28 febbraio, a Bergamo la Questura ha dimostrato quali
sono le direttive per la gestione dell’ordine pubblico e del dissenso:
i fascisti di forza nuova sono stati fatti sfilare – nonostante non
avessero neanche chiesto l’autorizzazione per un corteo – con tutto il
loro armamentario da apologia del fascismo e caschi e spranghe bene in
vista, mentre le forze dell’ordine hanno attaccato, con scene da
mattanza cilena, in maniera deliberata e gratuita i manifestanti che si
erano opposti all’apertura della sede di FN.

Alla fine della
riuscita e determinata manifestazione antifascista il questore ha
condotto una vera e propria “caccia all’uomo” verso i manifestanti che
si stavano disperdendo, guidando la Celere verso atti brutali nei
confronti di chiunque capitasse a tiro, giornalisti compresi: persone
prese e sbattute a terra, tenute a terra ad anfibiate, picchiate.Video
e fotografie inchiodano le scelte scriteriate e autoritarie del
questore Rotondi che ha dato precise indicazioni a celerini e
carabinieri di rastrellare – a fine manifestazione – più manifestanti
possibili. Chiediamo le immediate dimissioni di un questore che si è
dimostrato accondiscendente verso i naziskin e ha disposto il fermo di
60 manifestanti, facendo caricare anche chi fuori dalla questura
chiedeva semplicemente informazioni sui fermati. L’apertura di una sede
di forza nuova è una vergogna per Bergamo, così come il comportamento
della polizia oggi in piazza. Contro
il fascismo e i suoi “padrini” [in divisa o seduti in parlamento, tanti
sono i legami fra FN Bergamo e Alleanza Nazionale] non un passo
indietro

Chiediamo l’immediata liberazione di tutt* i compagn* arrestati e pestati brutalmente dalla polizia.

Antifascisti/e bergamaschi/e

per le immagini di sabato 28.02 guarda  http://www.vimeo.com/3415274


Comments are closed.